martedì 30 agosto 2016

Le rimostranze della Madonna

Terremoto, vescovo di Rieti: "Non uccide il sisma ma opere dell'uomo".
E vale anche per la statua della Madonna?

"E pure girata di spalle
per non vedere gli scempi!"
Come per i funerali solenni che sabato 27 si sono svolti ad Ascoli, oggi ad Amatrice ci sono il presidente Sergio Mattarella, il premier Renzi e i presidenti di Camera e Senato Laura Boldrini e Pietro Grasso. Con loro anche il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, la sindaca di Roma, Virginia Raggi e il presidente Anci ed ex sindaco di Torino Piero Fassino. Sono in mezzo alle persone, in piedi. "Non vi lasceremo soli. Quando si spengono le telecamere" aveva detto Renzi poco prima dell'inizio dei funerali a una signora. Le telecamere oggi non li hanno inquadrati, e le loro corone di fiori non sono state deposte sulle bare, un parroco le ha lasciate fuori.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

Formidabili quei bracci destri democratici americani

Il braccio destro di Hillary Clinton, Huma Abedin, lascia il marito per nuove foto osé.

E qui sotto, come si può ben constatare, osserviamo la candidata Clinton che parla al suo braccio destro Huma Abedin del braccio destro del marito di costei, Anthony Weiner, che si tocca durante un'assemblea democratica.

Huma,
questo si tocca.
Non mi piace.
Lo devi lasciare.
Bill era meglio.
Lui almeno se lo
faceva toccare...
E adesso chissà
che dirà Trump?
Cosa ha detto Trump, a tal proposito? «L’unica mia preoccupazione è il Paese. Hillary è stata noncurante e negligente nel permettere a Weiner di toccarsi pubblicamente vicino ad informazioni secretate. Chi lo sa cosa ha saputo e a chi lo ha riferito? È un altro esempio della cattiva capacità di giudizio di Hillary. È possibile che il nostro Paese e la sua sicurezza siano stati compromessi per una toccatina».

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

lunedì 29 agosto 2016

Renzi il placator cortese

Terremoto, la protesta degli sfollati: "Ridateci i nostri morti. Non vogliamo andare a Rieti".
Poi il sindaco sente Renzi: ok a funerali ad Amatrice.

RENZI PLACA LA RABBIA DI AMATRICE
CON UNA MAGIA DELLE SUE
Renzi:
Se scopro chi è stato
a organizzare i funerali a Rieti,
giuro, lo seppellisco vivo
sotto le macerie.


Prima la protesta e poi i funerali spostati. "Noi a Rieti non ci veniamo, ridateci i nostri morti". È iniziata così nella tendopoli allestita al campo di Amatrice la polemica dopo la decisione della Prefettura di Rieti di far svolgere i funerali all'aeroporto militare e non, come deciso in un primo momento, ad Amatrice. "Deve venire Rieti da noi, non andare noi da loro", dice un anziano signore ai funzionari del dipartimento di P. Civile. "Una decisione dolorosa anche per noi", hanno detto alla gente. "Io a Rieti non vado - aggiunge Don Fabio - celebrerò qui, a Rieti non dobbiamo andare".
Poi il sindaco ha chiamato Renzi che, con un colpo di bacchetta magica (metaforica), ha risolto la questione, placando gli animi dei più restii amatriciani.

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

sabato 27 agosto 2016

Renzi, ricordati di Ascoli!

Ai funerali di Ascoli Piceno
qualcuno a Renzi gridò: Ricordati di Ascoli! Che ricorda molto alla lontana quella più famosa: Ricordati di Alamo!
E quello di rimando: "Diteci cosa fare, non può decidere tutto Roma...". Bene, ora sì che siamo a cavallo: hai visto mai che un suggerimento del popolo fosse mai passato? Aspettiamo delucidazioni dall'Ue, che è meglio.
E qualche altro a Mattarella: Ci aiuti, presidente. E faccia venire qui il Papa a benedirci.


Mentre il vescovo, a nome di tutti, chiedeva a Dio: E adesso che si fa?
Ma non poteva invece chiedere, con voce ferma e stentorea, a lor signori?
Ce li aveva là, quei quattro, seduti di fronte!

Condividi e VOTA questo articolo
condividi su OKNotizie condividi su Segnalo condividi su Diggita condividi su Fai Informazione segnala su ziczac BlogNews
AddThis Social Bookmark Button

Heracleum